Posts from the ‘EVENTI’ Category

METEOR IN SARDINIA

UN BOLIDE HA SOLCATO I CIELI SARDI

Ciao. Manco a farlo apposta, proprio qualche giorno dopo il “clou”delle stelle cadenti della notte di  di San Lorenzo, da Pascoli a oggi spostatosi dal 10 al 12 agosto, è avvenuto un fatto di cronaca celeste.  Un bolide ha illuminato la nostra gia’ bellissima isola di Sardegna.

Nello scorrere delle immagini non sentite la musica di Star Trek (che sarebbe piu’ adatta 🙂  ma, trattandosi di una cosa successa in Sardegna, ho scelto di suonare una melodia sarda che è diventata praticamente il nostro inno;  “non potho reposare”, cosi’, per dare un ulteriore tocco di sardita’ alla cosa. E maledetti gli scooter e le auto che passano, mentre sto registrando  😆

Sono tre, quattro immagini che ho scelto di presentare in ordine tale da corrispondere al graduale avvicinamento all’osservatore. Purtroppo ero a casa che cenavo, non ho visto niente. Ma sicuramente  non avrei visto il bolide, ma solo il cielo illuminarsi un poco.

Un grosso meteorite, dicono gli esperti di tipo metallico o ricco di metalli, ha attraversato (e illuminato ) il cielo della Sardegna. Poco dopo le 22,30 di venerdi’ scorso,  un “coso” celeste  ha attraversato il cielo fra le Baleari e il Sud della Francia, diretto da Ovest, verso Est, fino alla Sardegna avvicinandosi alla costa occidentale (noi “Oristano”, siamo costa occidentale).

Era un oggetto metallico,delle dimensioni forse di un pallone da calcio del peso di circa un chilogrammo, che si e’ dissolto in atmosfera, poco sopra il mare. E’ infatti rarissimo essere danneggiati da un meteorite, pur se decine di migliaia di tonnellate di materiale spaziale cade (sqaugliandosi per l’attrito ed il calore), sulla Terra. Raro ma succede. In Trentino, anni fa, un meteorite sfondo’ un tetto. Fortunatamente sono rari, gli oggetti di una  qarantina o sessantina di diametro, di roccia o ghiaccio che siano, tipo quello che a Tunguska, Siberia, il 30 giugno del 1908 esplose in cielo come una bomba atomica, sradicando con l’onda d’urto milioni di alberi. Ci furono pochissime vittime. Sopra New York  o Roma, immaginate che danno.
L’oggetto “caduato” in Sardegna  è da considerarsi probabilmente “dissociato” dalla scia della cometa che stiamo ancora attraversando e da cui la Terra “attira a se'”, soprattutto intorno al 12 di agosto, i granelli minuscoli che noi chiamiamo stelle cadenti (vedere post precedente).. Questo oggetto e’ ben diverso, piu’ grosso di una “stella cadente”, bello compatto e ricco di metalli.

Ah, immaginate se alcuni hanno espresso un desiderio pensando ad una bella stella cadente. Immsginate che l’oggetto sia stato non un “naturale meteorite” ma un detrito spaziale (gli esperti su questo oggetto specifico non si sono pronunciati in tal senso , ma esistono le “stelle cadenti artificiali”); immaginate che sia stato  uno dei tanti detriti orbitanti che sia caduto, come di fatto accade. . In tal caso, falsa stella cadente, desiderio che non si avvera.. Scherzo, è chiaro.
Piccola nota personale. Certo che, se l’oggetto si fosse comportato nel seguente modo: scendere, poi fermarsi, sostare a mezz’aria, poi risalire, scendere di nuovo in diagonale, poi fermarsi, continuare in orizzontale, accelerando e rallentando, dividendosi in due oggetti e poi ricompattandosi,  mi sarebbe piaciuto di piu’ 🙂 Ma vengono avvistati migliaia di oggetti che si comportano cosi’, “come io avrei voluto”. Ma vengono classificati per meteoriti. In questo caso,  pero’, è giusto, gli UFO non c’entrano. Saro’ piu’ fortunato un’altra volta.

CIAO

Marghian

LA FESTA DELLA MADONNA DI BONARIA. LA PROCESSIONE A MARE, (OGGI) IL RIENTRO DELLA SANTA, E FESTA IN PAESE. IN SENO A QUESTA, UNA MOSTRA DI PITTURA

LA FESTA DELLA MADONNA DI BONARIA

Si festeggia nella borgata di Marceddì, una frazione di Terralba

Una settimana dopo il Ferragosto, dal venerdì alla domenica

LA PROCESSIONE A MARE CON LA BARCA “AMMIRAGLIA” CHE PORTA LA SANTA

Il simulacro viene portato, la sera del venerdì, da Terralba a Marceddì con un camion che “traina” una “barca” particolare adibita al trasporto della statua della “Madonna di Bonaria”. La Santa viene seguita, in processione, fino alla borgata di Marceddì, un caratteristico villaggio di pescatori dove, dai primi anni ’20, si celebra questa festa. Fuochi di artificio e gente in festa accoglie la Madonna, che viene collocata nella chiesetta di Marceddì, a lei dedicata, ove vi rimane per una settimana esatta, fino al sabato successivo, dove la gente festante ne accoglie l’arrivo, con il suggestivo e tradizionale “strombazzare” di centinaia di ragazzi e ragazze con le loro motocilette, vespe e motorini che, mettendosi “ai due lati”della strada,  suonano i clackson ed accelerano i motori per festeggiare l’arrivo del simulacro, seguito dalla gente in processione.

La domenica dopo l’arrivo a Marceddì, dopo che il venerdi ed il sabato precedinti si sono svolte manifestazionni religiose e civili (spettacoli musicali, commedie, balli…), e la gente ha mangiato e bevuto negli “statzus” (potete tradorlo “gli stands”), in legno e frasche, con “menu'” a base di carne arrosto, buon pesce e ..buon vino. Gli “statzus” rimangono attivi anche il giorno di domenica, mentre al mattino si celebra la messa e si svolge la tratizionale “processione a mare” con la Madonna che trova posto in una grossa barca “ammiraglia”, seguita ta decine di barche di pescatori e “passeggeri” (c’ero anche io, su una barca in processione, tanti anni fa). La Santa rimane a Marceddì fino al sabato della settimana successiva al giorno della processione a mare, ed in cui i festeggiamenti hanno termine

In verità la “Festa di Bonaria” vera e propria si celebra a  Cagliari, ove si trova il simulacro originale del ‘500, portato dagli Spagnoli, e cade in un giorno di fine aprile. I pescatori terralbesi, pero’, vollero rendere un devoto omaggio a questa Madonna “protettrice dei marinai e dei pescatori”, da cui il titolo di “Madonna della Buona Aria”.

E’ ormai notizia certa che la città di Buenos Aires, capitale dell’Argentina, prende il nome dal santuario mariano di Cagliari, che trovasi in un luogo che gli spagnoli chiamavano “Puerto de buenos aires” (porto delle buone arie). In Argentina gli Spagnoli chiamarono il luogo dove sorse Buenos Aires, con lo stesso nome, per dedicarlo a questa Madonna, prima degli Spagnoli, e poi dei Sardi.

In verità la “Festa di Bonaria” vera e propria si celebra a  Cagliari, ove si trova il simulacro originale del ‘500, portato dagli Spagnoli, e cade in un giorno di fine aprile. I pescatori terralbesi, pero’, vollero rendere un devoto omaggio a questa Madonna “protettrice dei marinai e dei pescatori”, da cui il titolo di “Madonna della Buona Aria”.

SABATO 31 AGOSTO 2013, IL RIENTRO DEL SIMULACRO

LE  INIZIATIVE

La sera in cui “rientra la santa” (sa torràda de sa santa) come diciamo noi, con la parte “religiosa” si svolge, come in tutte le feste e sagre, la parte “civile” o “profana”. Molti sono gli spettacoli e el iniziative che, tutti gli anni, vengono portati avanti. Spettacoli musicali e folkloristici , ed iniziative di altro genere, colorano la festa. 

La. colorano, quest’anno, i pittori di un gruppo di appassionati di pittura e “decoupage” sorto in seno ad una associazione terralbese molto attiva nel campo del sociale. L’associazione si chiama ANTA-AUSER  e, con i suoi numerosi soci che si attivano in azioni di volontariato, soprattutto in rapporto agli anziani, cui l’associazione dedica diverse iniziative ed attività, come l’assistenza ed il “tenerli occpuati” con dei momenti di aggregazione o dei veri e propri “corsi”, il tutto su base volontaria, come quello di pittura c’e (l’associazione si è dotata di un laboratorio, ove chi vuole, puo’ dedicarsi all’arte). Il gruppo dei pittori porta un nome molto significativo che ne “spiega” lo spirito e la finalità’: “ARTINSIEME”. Come tengono a sottolineare loro, i membri, coltivare l’arte di stare insieme, ancor prima che l’arte vera e propria. Che non manca, ma che non e’ “gara a chi è piu’ bravo”, bensì un fare pittura o decoupage insieme, unendo cosi’ l’utile (e dilettevole) della pittura, al dilettevole (ed utilissimo) dell’essere insieme.

MOSTRA DI PITTURA “ARTINSIEME”

(Non di questa occasione, ma opere e caratteristiche espositive sono simili)

Prima di concludere il post, vi do’ un piccolo dettaglio: il coordinatore del gruppo e’…oops, e’ mio fratello. A propositocliccate qui.

CIAO

Marghian

❀ Rоѕa ❀

♥ Chiunque può simpatizzare con il dolore di un amico,ma solo un animo nobile riesce a simpatizzare con il suo successo ♥

MI...semplicemente ♪☕♫

Le belle parole dei saggi e dei poeti di tutto il mondo mi aiutano spesso a dire quello che non so esprimere

Chi trova un amico trova un tesoro

La vita è il frutto della nostra immaginazione

Marghian - Music blog

Just another WordPress.com site

Semprevento's Blog

Amo il vento e tutto ciò che accarezza

Cayenna

Essere se stessi contro ogni violenza

la vita va...

Just another WordPress.com site

MALI & LINO

Just another WordPress.com site

~ A l b a ~

camminando insieme a voi.....

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: