“E’ posssibile che ciò che nel mondo chiamiamo caos, sia in realtà un ordine perfetto, ma che sfugge alla nostra natura di esseri incompleti”

(Marghian)

ORDINE, CAOS, OPPOSTI E CONTRARI

kaos

Questa potrebbe essere una goccia di inchiostro vista al microscopio.

Una formica intelligente che camminassse su di un muro pitturato con questa tinta, non potrebbe  capire che cio’ su cui cammina, fa parte del muro di una casa, con tutti i suoi ambienti; ne’ tanto meno puo’ concepire l’esistenza di tanti altri muri, e case, tante da formare intere città. Questa è proprio la nostra condizione, nel cosmo in cui siamo immersi.


Ciao. Mi ricordo di aver letto e sentito spesso – ed anche voi sicuramente, che “ordine e caos vanno a braccetto, come il bene e il male, yin e yang”. Si’, come bello-brutto, grande-piccolo, intelligente-stupido, amore- odio, alto-basso eccetera. Il mondo sembra reggersi sui contrari e contrasti. Già un televisore o una foto in bianco e nero, se elimini i contrasti (trasformando il nero in grigio e il bianco in grigio) l’immagine sparisce.

Sapete bene però, che per certi “pensatori”, siano essi filosofi, teologi (soprattutto questi, ne hanno tutto l’interesse) ) o scienziati (questi un po’ meno, in percentuale, ma alcuni sì) il caos non esiste? Opposti e contrari, ma che non significano non significano “caos”. Per molti pensatori il caso non esiste (anche se, nel linguaggio comune, lo scienziato usa frasi come “muoversi a caso” o “evento casuale”); nel senso che tutto avviene per motivi precisi. Anche perché poi, dal caos totale non potrebbe nascere l’ordine. Quindi, ancor che parlare di passaggio dal caos all’ordine- e viceversa-… sarebbe preferibile, secondo questo paradigma, pensare al passaggio da un dato ordine ad un altro ordine. Se pure il mondo ci sembra caotico, con eventi anche contro di noi (un uragano, un incendio che butta giù mezzo paese) potrebbe non trattarsi di caos; ma di un ordine che a noi sfugge.

Già riusciamo, pur se in modo imperfetto, con dei super computer a prevedere l’andamento meteorologico da qui a diversi giorni, significa che matematicamente è stato individuato un certo ordine delle cose. “Ma sbaglia”. Certo, accade spessissimo; ma se un sistema di computers sbaglia, questo dipende sempre (a parte guasti fisici “da hardware” ) dal non avere dati sufficienti. Ma, teoricamente, se in un sistema di intelligenza artificiale si potessero immettere tutti i dati necessari,, la possibilità di errore verrebbe eliminata, e si avrebbero previsioni quanto meno precise. ciò che sembra caos e disordine, quindi, potrebbe essere un ordine che a noi sfugge per mancanza di informazioni, esattamente come i computer testé menzionati.

Faccio un esempio: per me, che NON conosco il gioco degli scacchi, i pezzi possono apparirmi come disposti a caso, senza un ordine. Ma se faccio un corso di scacchi, o anche leggo qualcosa al riguardo, capisco ben presto che c’è un ordine, eccome- ma che a me prima sfuggiva-.

Così può essere per il mondo e la vita, dato che su questo alle nostre menti mancano moltissimi dati. Contrasti e opposti sì, ma che non significano “caos”, anzi sono il principio di tutto. ordine misterioso quindi una matrice intelligente? Ni, e poi se proprio non vogliamo credere in un “Creatore”, basta pensare od immaginare che siano eterne le leggi della matematica, e quindi da esse guidate, anche quelle della fisica, della chimica e della evoluzione degli eventi naturali, in tutti i livelli e gradi di grandezza- dalle particelle ai microbi alle galassie-. . Leggi eterne, situate “ab origine”;presenti ed agenti in ogni dove; per cui in fondo non farebbe molta differenza.

CIAO

Marghian

Annunci