*A CHENT’ANNOS*

TAZENDA

Ciao.  No, non e’  un  “autoaugurio” per me. E’ un augurio.. piu’ vasto, esteso a tutti.

*  *  *

“A chent’annos, figli , pieni di giorni di allegria. Quale tesro, quale incantesimo, nel godere di alti e nobili desideri! A cent’anni fratello della mia terra, che tu sia qui (innoe) o in nostalgia (lontano da qui), * in pace ed in amicizia. A cento anni, madre, che sei “pazienza e solitudine”. Motivi di serenita’ *poni nelle mie brame. “A cemt’anni Vita,  che risuona dentro di me, brucia  come una ferita  e *vibra in me.. A cent’anni cuore mio , – tu che – sei una scintilla di Dio (ischintidda de deus). A cent’anni, padre mio, in qualunque luogo tu ti trovi. Mandarci delle belle notizie, da qualsiasi Terra o  Cielo. A cent’anni anima..anima  sposa mia. Quale fortuna, quale “malia”..inseguiamo *alte parole. A cent’anni, o Melodia, che scorri dentro me, facendo sciogliere la neve, piena di luce e armonia. A cent’anni  Vita, che risuoni dentro di me. A cent’anni,  cuore mio….-tu che- sei una scintilla di Dio” (Tazenda).   *Ciao.

*  *  *

Marghian

Annunci