Archive for gennaio 2010

POST PROVA-COLLEGAMENTI (CHE LASCIO QUI)

/******/
"CIAO. FACCIO QUESTA PROVA: UN PICCOLO DUBBIO".
 ******
"SCRIVO UNA PAROLA: GUARDA QUI
ECCO, A COSE FATTE, LA PAROLA CAMBIA COLORE.
HO SCELTO "APRI UN’ALTRA FINESTRA"
PERCHE’ HO "COPIATO" LINK DA ALTRO BLOG".
POSSO "SOTTOLINEARE" LA PAROLA…*FATTO.
VEDIAMO".
"DOPO AVER PROVATO SCRIVERO’, SOTTO, "OK" E/ O ALTRA "NOTA"
*************
MARTEDI, 2 FEBBRAIO 2010
******
"COLLEGAMENTO A FILE":
 
SI, HO DECISO DI LASCIARE IL POST.
<——————————————————->
E…DATO CHE SIAMO IN TEMA DI "INSERIRE FILE" ECCETERA…
NON E’ FABRIZIO, CERTO, MA… NON SAREBBE UN MIO REGALO!
ALTRETTANTO DICASI PER…"LGHT MY FIRE".
NON SONO "I DOORS" MA E’..UN MIO REGALO.
 
Marghian
Annunci

SHOAH. per non dimenticare. Neppure dopo il “Giorno della Memoria”

 
SHOAH
 
 
        PER RICORDARE     * *  *  *   OLTRE LE COMMEMORAZIONI
 
Ieri, il 27 gennaio, e’ stata ricordata la SHOAH, lo sterminio di milioni di ebrei ad opera della follia nazista. Questo evento storico, che ha gettato una prpofonda oscurita’ sulla storia dell XX secolo e sulla storia del genere umano. Nessun altro genocidio è cosi’ presente, nella nostra memoria, come la shoah, l’olocausto, lo sterminio di milioni di ebrei. Sterminio dettato dalla folle logica razzista, dal mito della  "razza pura". Il progetto perverso di realizzare una "Grande germania", e con esso quello della spremazia sul resto del mondo, hanno indotto il regime nazista a "risolvere" la cosiddeta " questione ebrea". In che modo? Come sappiamo dalla storia, cio’ fu perpetrato nel modo piu’ aberrante e terribilmente efficiente: con lo sterminio di massa. Il  folle"progetto" del tedeschi del  Terzo Reich, del loro "Furer"-leader- Hitler, e dei suoi piu’ spietati e cinici collaboratori (Guering, Himler, Hess e molti altri) porto’ alla sistematica internazione in infernali "campi di concentramento" di ebrei, zingari, oppositori politici, Testimoni di Geova, omosessuali, ed altre categorie di persone "indesiderabili". Deportazioni ed internazioni che culminavano nella tortura e, sappiamo, nella uccisione dei prigionieri. Sei milioni di persone, tra uomini, donne, bambini. Senza pieta’. Questa è stata la "shoah". Oramai questa parola ebraica, che significa  "Catastrofe, disastro totale", viene associata ad un altra parola: "olocausto"(Holos, "totale", kaustos , "rogo"). Sono, "shoah" e "olocausto". due termini che anticamente avevano il significato di "offerta al Dio". Soltanto di recente, e per via dell’orrore nazista, queste due parole sono diventate ..sinonimi di questa follia, che ha gettato buio sull’intera umanita’.
Sappiamo come tutto fini’: il  "suicidio " di Hitler, la capitolazione, il "Processo di Norimberca", che porto’ alla condanna a morte di gerarchi nazisti ed alla dtenzione di altri.
Oggi, a 65 anni di distanza, viviamo questo come un..ricordo. Un ricordo che ci spaventa e che ci indigna. Eppure  essa è’ storia recente. Proprio per questo, io penso, questa storia…ci indigna. Ricordiamola, questa storia, come "monito". Come dissse a Norimberga un "avvocato dello storico processo: "fare giustizia" di siffatti crimini, affinche’ non si ripetano.  Il ripetersi, in futuro, di un’altra" shoah, potra’ significare la fine,  non soltanto di una etnia, ma dell’intero genere umano.
La storia, proprio nelle sue pagine piu’ buie, proprio in esse, e’ ..maestra di vita.
E’ triste dirlo, ma e’ cosi’. Ricordiamola, questa storia, anche…oltre il."Giorno della memoria".  Giorno in cui vennero aperti, 65 anni fa, il 27 di gennaio, i…cancelli di  Auscwitz. Ciao, amici.
 —————————
-HO..SENTITO IL BISOGNO DI…CANTARE "AUSCHWITZ"
VE LA PRESENTO, QUI, COSI’ COME..L’HO..*POTUTA CANTARE.
——————-
PENSANDO ALLA "SHOAH", HO RIFLETTUTO SULLE "LEGGI RAZZIALI"
CHE IL GOVERNO ITALIANO PROMULGO’ E FECE APPLICARE CON CINICO ZELO.
HO UNA CANZONE, CHE CANTAI TEMPO FA. SI TRATTA DE" LE STORIE DI IERI".
UN TESTO, A MIO AVVISO, ASSAI PERTINENTE, PER QUANTO…. POETICO.
 *  *  *
Marghian… x …Marghe

“Music little Experiment”. Per Salutarvi.

 
*A LITTLE EXPERIMENT…FOR YOU*
 


UN MIO PICCOLO ESPERIMENTO….PER VOI.
/***********/
*Purtroppo, nel canto,  ho dovuto usare l’ottava  bassa nella voce per l’inciso ("che anno e’…)*
 
/************************************************/
 
CIAO AMICI. ECCOMI DI NUOVO DAVANTI AL PC PER VOI. IERI MATTINA, TRA LE ALTRE COSE, HO FATTO UNA PICCOLA PROVA. HO CANTATO, CON LA CHITARRA, LA CANZONE "I GIARDINI DI MARZO", DI LUCIO BATTISTI, REGISTRANDOLA SU UN PROGRAMMA, "SOUND FORGE", CHE E’ QUELLO DI CUI VEDETE L’IMMAGINE SOPRA. HO POI OPERATO CON DELLE OPZIONI DEL PROGRAMMA PER FARE QUESTA PROVA: FARNE UNA VERSIONE "ALTERATA". ECCO, QUESTA E’ LA VERSIONE PSICHEDELICA, SI DICEVA  UNA VOLTA. MA…TRANQUILLI, VI FACCIO SENTIRE ANCHE COME L’HO CANTATA IN MODO …NORMALE: -> QUI. E’ UN PICCOLO ESPERIMENTO. COSI’,PER IMPARARE.  E’ SOPRATTUTTO UN MODO CON IL QUALE HO PENSATO DI SALUTARVI. CIAO, AMICI.
************
MARTEDI 2 FEBBRAIO 2010
"APPENDICE"
E…CHE E’? PRESTO SPIEGATO. QUESTA VOLTA SARO’ SEMPLICE:
HO RIPRESO IL FILE "LIGHT MY FIRE" E L’HO..TRASFORMATO.
IN PRATICA…E’ LA STESSA PROVA DEL BRANO PRECEDENTE.
CIAO.
Marghian
 

“Post remake”: “Per il mio 57 ° compleanno”.


 QUESTA NOTTE, 24 GENNAIO 2010, COMPIO GLI ANNI.
PER QUESTO 57° COMPLEANNO, HO SCELTO
 IL POST DEL MIO 56° COMPLEANNO DEL GENNAIO 2009.
CON LE RIFLESSIONI CHE POTETE LEGGERE.
*****
"PANTA REI OS….CHRONOS"
 
"Tutto scorre come…il tempo"

 

(Birthday music-mia versione pers.-)

Eraclito diceva: "Panta rei os potamòs", "tutto scorre come un fiume". Il senso di questa celebre frase è che ogni cosa cambia. Come l’acqua di un fiume che scorre, cosi’ è per noi: ogni istante siamo diversi. E tutto è impermanente, mutevole. Il tempo stesso, che trascina, come un fiume, gli eventi nel fluire degli istanti, cambia e…ci cambia. Noi siamo l’acqua in questo fiume del tempo. E passano gli anni, e come l’acqua di un fiume, anche noi lasciamo traccia nel greto del fiume della vita.  E sono le memorie. Quelle, forse, permangono, o forse no. E passano gli anni. Si, tutto scorre come…il tempo. Ed io, in esso, ci nuoto. Come in un fiume che, seppur impermanente, ha una sorgente…e d una foce. Forse è questo il senso della vita e del nostro cambiare. Raggiungere il mare dove tutto confluisce, e, forse, permane. Non sappiamo…ecco che, dolcemente, mi lascio trasportare, e cambiare, dal tempo. E gli anni passano. Si, passano. Anche per me. 


E infatti, anche quest’anno sarà…un anno in piu’.  Questa notte del 24 di gennaio 2010, intorno alle ore 2, compiro’…57 anni! *Eh, già. Questa volta  tocca a me… compiere gli anni.  E si va avanti, come trascinati dal tempo. Come dalla corrente di un fiume. Ciao, amici, e…buona Domenica.

Marghian

  

BENTORNATA, MARISA! “THAT’S WHAT FRIENDS…”

 
BENVENUTA DI NUOVO TRA NOI, MARISA!!!
 
* <-/7**********7/-> *
 
TI SALUTO CON QUESTA CANZONE, PERCHE’ DICE:
 
"THAT’S WHAT FRIENDS ARE FOR"
 
 
"ECCO A COSA SERVONO GLI AMICI"

"Ed io non ho mai pensato di sentirmi così , Per quanto la cosa non sembrasse  riguardarmi . E sono  contento/a di avere  la possibilità di dire…Che io credo  di volerti bene.

 E se mai io dovessi andar via…Allora, chiudi gli occhi e cerca di immaginare come sarà questo giorno

E poi, se riesci a ricordare….Continua a sorridere, continua a risplendere, sapendo che puoi sempre contare su di me. Perché è sicuro….*Ecco a cosa servono gli amici! Nei  momenti belli,  e nei momenti brutti….Io sarò al dalla tua parte, sempre più…Ecco, a cosa servono gli amici! Quando tu venisti e ti apristi a me, ed ora vedo, comprendo, sempre più  cose (di te). E così,  proprio su questo, io ti ringrazio. E per il tempo in cui saremo lontani….Allora,  chiudi gli occhi e sappi che queste parole vengono dal mio cuore . E, se tu puoi ricordare….Continua a sorridere, continua a risplendere, Sapendo che puoi sempre contare su di me. Perché è sicuro….Ecco a cosa servono gli amici! Nei  momenti belli,  e nei momenti brutti..

Io sarò al dalla tua parte, sempre più…..ECCO A COSA SERVONO….GLI AMICI!"

/*********/

BENTORNATA CARISSIMA!!!

*Questa è una delle canzoni che io prediligo in assoluto. Fino ad ora, non avevo badato bene al testo della canzone. L’ho tradotta adesso, seguendo il video. Per te, Marisa. perche’..a questo servono gli amici…come te.

 

CIAO, MARI!!!!!

 

-Lino…partecipo anche della TUA gioia-.

 

BUON FINE SETTIMANA

A MARISA, E A TUTTI, CIAO.

 

Marghian  x Marghe

“Dio e’ Amore…”

"DIO E’ AMORE….PER TUTTI"
 

"L’UOMO"———-—–> "L’AMORE"——–——> " IL CIELO"
 
>*****<
"L’UOMO, ATTRAVERSO L’AMORE, PUO’ RAGGIUNGERE
IL CIELO. CHE E’ GIA’, DENTRO DI LUI, NELLA SUA VITA"
(Marghian)

 
*Una volta San Francesco fu sorpreso a piangere, disteso per terra. Un confratello gli disse: "France’…..perche’ piangi? Alzati su!!!". Ma francesco, con il viso rivolto al suolo, continuava a piangere e ripetava: "L’amore non è amato, l’amore non è amato….".
*Nulla e’ piu’ grave del non amare..l’amore. Oggi viene a mancare persino uno degli "amori  per eccellenza"…quello tra madre e figlio. *Io penso questo: "bestemmiare a Dio" non è "imprecare contro di lui". "Bestemmiare a Dio" è…non amare, perche’, comunque lo si immagini, Dio è….AMORE.
Dio… ESISTE per TUTTI, in questo senso: *se lo…. facciamo crescere in noi, ogni giorno, nella direzione dell’amore, Dio …esiste. Mentre invece,  se.. "l’amore non è amato".. egli..NON ESISTE, o se pur ESISTE come REALTA’ OGGETTIVA, non lo si vive. Mi disseto, io se ignoro… l’acqua?  L’"Inferno". pero’, vien dato, direi letteralmente "creato", da noi stessi, da questo nostro "vuoto di amore", e la vera "bestemmia contro Dio"  consiste, praticamente,nel rinnegare noi stessi…odiare noi stessi, offendere la nostra..stessa dignita’ umana. Anzi, distruggerla. Vogliamo, noi…questo?
– ////////-
(Permettetemi, come faccio sempre, un piccolo commento musicale
 
CIAO, AMICI, E… BUONA DOMENICA.
 
Marghian

“POST REMAKE:”Una voce sarda nel mio dialetto”

 Ripropongo un vecchio post:
FRANCO MADAU..SU PRANTU DE UNA MAMMA
    “IL PIANTO DI UNA MADRE”

Questa è la storia di milioni di persone alle quali, per colpa di un ingiusto sistema, viene negata  la possibilità di vivere nel loro paese, e che  cercano altrove cio’ che un giorno, forse, troveranno nella loro terra..” (dall’introduzione parlata di  una canzone di Pinuccio Corrias, un mio caro amico)

*   *   *

“Come ti sei conciato, figlio mio, come ti sei ridotto! Cosa è successo, cosa ti è capitato? Che è tutto quel sangue, e quel vestito tutto stracciato? Entra dentro, non restare li’ impalato…entra dentro, non lasciarmi a penare..entra dentro, non lasciarmi a penare”. In questa vita, ne ho avuto di fortuna, soltanto la fame e il sacrificio ho passato. Mio marito da qui se ne è già andato, in eredità quattro figli mi ha lasciato..ma in casa mia solo uno ne è rimasto.  Peppino è in Francia e non ne so da cinque mesi.. La famiglia di Tonino, invece si,”già “stanno bene; hanno il lavoro e vivono in buona salute, scrivono tanto e…vengono qui una volta all’anno. E tutta qui è la mia tranquillità: non passa notte o giorno che io non stia a pensare..i figli miei, cosa staranno facendo? Se sono sani e se stanno lavorando…che’, coi loro soldi, il piccolo Antioco, studia.*” E tu.. me ne vieni a casa, a quest’ora, con quella faccia tutta malconcia!”.

 “Mamma, è a scuola che mi hanno picchiato, perche’ non volevano che io scioperassi. Perche’ ho capito come stanno le cose: Ci mandano in giro come bestie , in terra straniera a lavorare..E mi hanno picchiato per questo, Mamma! Ma ora non piangere, perche’non sono solo. Saremo poi dieci, poi cento, e poi mille. Non sarà oggi, ma domani  è sicuro, anche i miei fratelli faranno ritorno…Mamma non piangere…non sono solo. saremo in dieci, poi cento, poi mille…non sarà oggi, ma domani, stai certa, pure i miei fratelli faranno ritorno…pure i miei fratelli….” (F. madau)

*  *  *

*N.B.: La parte finale della canzone riprende la melodia tipica del “ballo sardo campidanese“. Non è difficile seguire il testo in sardo leggendo il testo in italiano: basta seguire la melodia e la cadenza, facendo riferimento ad alcune “parole chiave” che sono comprensibili, e che qui vi trascrivo: “succèdiu“-“successo“-; “capitàu“-“capitato”-;  “impalàu“-“impalato”-;”penài“-“penare”; “fortuna“; “fillus”-“figli“-; “lassàu-“lasciato-“; mèsisi“- mesi”-; “tranquillidàdi“; “facci“-“faccia”-;”iscòlla“- “scuola”-“scuola”-; “iscioperài“-“scioperare”; “non pràngias“- “non piangere”-; torrài“-“tornare”, “fare ritorno a casa”- e, ovviamente…mamma.

* * * *

Franco madau (Tuili – Cagliari – 1953)  è un cantautore dialettale campidanese, molto sensibile ai prolemi politici e sociali della Sardegna. Le sue canzoni si ispirano alla tradizione sarda. I suoi testi , cantati con vigore e sentimento, riservano molta attenzione ai drammi  che  io definirei “tipici” della gente sarda. l’emigrazione è uno di questi drammi, che non riguardano certo solo noi sardi ma che, in qualche modo, ci caratterizzano, come la piaga degli  gli incendi , lo “sfruttamento militare” e la siccità; temi trattati da Franco con impeto e sentimento direi quasi “passionario”. “Su prantu de una mamma” è uno dei suoi pezzi piu’ toccanti: descrive la sofferenza di una madre, di tante madri  per “is fillus foras”, i “figli fuori” dalla famiglia, fuori dalla terra natia. Franco presenta pero’ un altro aspetto: la lotta. “Antiogheddu”-il piccolo Antioco-, il “figlio rimasto a casa ”  rappresenta la “ribellione”, la voglia di cambiare, la speranza. persino per quella mamma accorata e triste che, rassegnata,  lo rimprovera.  Ma c’è quel “non seu solu, pustis in dexi, poi centu, poi milla…”, la risposta schietta del ragazzo che vuole “cambiare le cose”. In modo “scapestrato” e  ribelle;  ma  che dice a sua madre di sperare, e glielo dice con una frase che è quasi una utopia: “no òi, ma cràsi siguru..fradis mius puru ‘ndamt’a torrài”, ” non oggi, ma domani, stanne certa, pure i miei fratelli faranno ritorno”. *Si, noi sardi siamo cosi’..cocciuti,  ma pieni di speranza e di sentimenti.. come questa mamma e… il piccolo Antioco- Antioghèddu-,  di questa canzone. * MI ricorda il nostro grandde pensatore Antonio Gramsci. Egli non fu picchiato a scuola per riottose proteste, ma fondo’ il Partito Comunista Italiano, il giornale “L’Unita’” e fu fautore di idee di giustizia e di liberta’: la mente, delle contestazioni operaie. Cun s’Amicizia in su coru….Ciao.

*UN GRAZIE va alla amica REBECCA per avermi cortesemente  fatto notare il disguido nell’altro post*

         Marghian

MI...semplicemente ♪☕♫

Le belle parole dei saggi e dei poeti di tutto il mondo mi aiutano spesso a dire quello che non so esprimere

Con scudo e anfibi...

in direzione ostinata e contraria (Faber)

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

Chi trova un amico trova un tesoro

La vita è il frutto della nostra immaginazione

Pensieri...solo pensieri...

Per alcune persone, i libri fanno la differenza tra felicità e infelicità, speranza e disperazione, una vita degna di essere vissuta e una orribilmente noiosa.Anjali Banerjee♦♦Nel serpente il veleno è nei denti, nella mosca è nel capo, nello scorpione nella coda, nel malvagio in tutto il corpo.

Marghian - Music blog

Just another WordPress.com site

Semprevento's Blog

Amo il vento e tutto ciò che accarezza

Cayenna

Essere se stessi contro ogni violenza

la vita va...

Just another WordPress.com site

MALI & LINO

Just another WordPress.com site

~ A l b a ~

camminando insieme a voi.....

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: