*I MIEI… PRIMI COMMENTI*
*   *   *
Ciao. Si, questi furono  i miei primi cinque commenti. Il primo lo scrissi su un sito che parlava di una immagine NASA che sembrava un…"alieno su Marte", e che esponeva il parere autorevole -e scettico- di una scienziata dell’ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana. Gli altri quattro commenti , su un altro sito, riguardavano sempre Marte, ma l’argomento era piu’ "serio" e di carattere piu’ scienticico, diciamo cosi’. "Un asteroide sulla rotta di Marte": questo era il titolo del post. Ve li presento cosi’ come li scrissi, anche con gli errori. Era la mia prima volta e…non vi dico l’emozione!!! *Si, a gennaio del 2008. A maggio nacque il blog, sempre…come Marghian.
Ciao.
*3 gennaio 2008- "Ho appena letto il commento della professoressa Di Pippo sulla figura -l’ennesima- che fa capolino da Marte. Non posso che essere d’accordo con lei sul fatto che non si tratta di una figura femminile "Made in Mars" – a me sembra un gorilla! -.Convengo con lei, si. Ma con qualche "però". D’accordo il bisogno di credere, vanno bene i giochi di luci ed ombre, e mi sta pure bene il tam-tam mediatico che da linfa alla suggestione collettiva. Non mi va bene però che la professoressa Di Pippo concluda che tutto è miraggio, e che le spiegazioni ufficiali della Nasa -che non brilla certo in trasparenza- siano credibili, e che la vita su Marte anche in passato -questo lo dicono tutti gli scienziati e qui io lo aggiungo- si limiti ai batteri. Cydonia è un gioco di luci-ombre – Nasa-; le piramidi idem – Nasa-. Ma siamo certi che le anomalie marziane possano tutte essere banalizzate e che Marte non abbia niente di rivoluzionario da mostrarci? Siamo certi che in passato Marte non fosse rigoglioso e vivo come la terra adesso? Naturalmente no. Se la vita c’è stata, era solo microbica ed elementare. Marte, per quanto interessante non può essere paragonato alla Terra. E’ tutto chiaro. Io non ne sarei tanto sicuro. Credulone chi ritiene che Marte ospitasse una remota civiltà? Certo. Ma chi accetta serenamente le spiegazioni della Nasa non è sicuramente da meno". Marghian (Mysterum Bloggsfère: "foto dell’alieno su  Marte: parla una scienziata dell’ASI").

 

********************************

10 gennaio 2008-"L’asteroide su Marte è un evento straordinario che colpisce l’immaginazione. Ma quanto ci colpirebbe se ci dicessero che Marte ospita la vita (non solo microbi, ma…Una civiltà).
L’esistenza della vita aliena è la sola cosa che manca alla terra per essere scalzata definitivamente dal centro del cosmo. Dal punto di vista “geografico” ci ha pensato Galileo, ma finchè riteniamo che la terra sola ospiti la vita e noi, essa rimane al centro del cosmo(per importanza). E questo non va bene.
Mi sembra che… Ce la tiriamo un po’ troppo! Non cambiamo mai..Siamo noi il re del creato, non vogliamo concorrenze!E’ ora di svegliarsi e di vedere oltre i nostri occhi e…la nostra scienza!" Marghian

********************************

10 gennaio 2008-"Mi correggo su una cosa. Magari proprio su Marte no (almeno allo stato attuale), ma su miriadi di altri pianeti simil-terra che ospitano ecosistemi simili al nostro, in cui si è evoluto una specie simil-uomo. L’universo è ancora tutto da scoprire.Non ci siamo ancora mossi da casa nostra… E pretendiamo di sapere! Signori scienziati, un po’ di umiltà, prego. L’asteroide serva a farci riflettere un po’ di più". Marghian

********************************

24 gennaio 2008-"L’asteroide 2007 WD5 che potrebbe colpire Marte il prossimo 30 gennaio di quest’anno mi induce a riflettere su una cosa. Al di là del fascino che indubbiamente tale evento susciterebbe, ciò che mi da da pensare riguarda gli effetti che l’impatto stesso provocherebbe sulla superficie del “pianeta rosso”. Si stima che l’asteroide, del diametro di 50 mt, potrebbe scavae un cratere dsi circa un km di diametro, sollevando un’immensa quantità di polvere marziana per via della potenza sprigionata dall’urto. Si è fatta un’analogia con il “meteorite” -in realtà non si sa che cosa realmente fosse – che colpì la zona di Tunguska in Siberia nel giugno del 1908, scatenando una energia stmata in circa 10-15 megatoni, che abbattè circa 60 milioni di alberi in un’area di 2000 km quadraati. L’asteroide marziano svilupperebbe un’energia di 3 megatoni. Fin qui l’analogia con altri eventi meteorici di tale portata di cui si ha conoscenza. Ma io penso che un impatto così violento su Marte provocherebbe qualcosa d’altro. Mi spiego.
A suo tempo La Nasa fece precipitare deliberatamente una sonda sulla Luna al termine della sua missione, per studiare gli effetti che tale impatto avrebbe provocato sul nostro satellite. Non solo una scossa sismica, che di fatto ci fu, ma anche per vedere se l’esplosione avrebbe rivelato la presenza di acqua che indubbiamente si sarebbe sciolta per via di tali sollecitazioni. Così non fu, a conferma che l’acqua sulla Luna era assente, se non nelle rocce “idrate”. In riferimento a Marte, le cose potrebbero andare diversamente. La Nasa studia il “pianeta rosso” da decenni, alla ricerca soprattutto dell’acqua: non solo per la vita, ma anche per un utilizzo della stessa da parte di future spedizioni umane su Marte. Le ultime rilevazioni con sonde sofisticatissime inducono gli scienziati Nasa a ritenere che FORSE l’acqua abbondava su Marte o sia presente tuttora sotto forma di pemafrost. Le uktimissime “notizie” ci dicono che FORSE l’acqua sgorga ancora da rivoli che si formano sui declivi dei crateri, e che FORSE la
acqua di antichi oceani in parte evaporata sia presente nel sottosuolo marziano. Forse. Ma un’impatto come quello paventato, con la potenza stimata, su un pianeta dalla debole attrazione gravitazionale, che effetto avrebbe? Io penso che questo evento ci darebbe la “prova del nove” che l’acqua su marte esiste. E ciò perché, se l’acqua c’è, una grande esplosione -l’impatto dell’asteroide – ne disperderebbe nell’atmosfera tenue del ianeta una quantità immane, insieme con altri detriti e polveri; una cappa di materia che avvilupperebbe una vasta zona di Marte, se non addirittura l’intero pianeta. E allora non ci sarebbero dubbi sulla presenza su Marte del prezioso elemento. Questo penso potrebbe accadere. O forse no. In tal caso continueremo a cercarla coi nostri mezzi. E tanta pazienza.
Mi auguro che la scienza scopra cose sempre nuove e ci riveli i reti di Marte e del cosmo. Per il bene comune, e con qualche “forse” in meno".Marghian

********************************

24 gennaio 2008."Mi scuso per gli errori di dattilografia e le sviste che si riscontrano nel leggere il commento che ho appena scritto. Ma io penso che sia comprensibile quanto ho voluto esprimere, al di là del fatto che sia più o meno condivisibile. La mia è soltanto una opinione, un punto di vista come ogni pensiero che ognuno ha diritto di manifestare.Per correttezza voglio precisare che “reti” è la trascrizione errata della parola “segreti”. Marghian ("Un asteroide in  rotta di colisione  con Marte").

 

Annunci